Campi d’olio

E anche Roma è scivolata via.

I tassisti cominciano a rabboccare con il paraflu di ricino.
Intanto, convocato Michelangelo per ripavimentare la piazza con un gioco di celtiche.
In serata previsto raid contro gli zingaretti della provincia.
Seguiranno altre istruzioni alla popolazione.

6 commenti su “Campi d’olio

  1. Alberto, questo blog si occupa di facile ironia!

    Sono da considerarsi invece Off Topic le facili analisi dettagliate della inattendibilità della sinistra radicale, la chiusura sempre ribadita al PD, l’apertura alla parte sana delle istanze leghiste, la resa culturale al berlusconismo.
    Non serve a niente interrogarsi a posteriori sulle ragioni di una sconfitta annunciata ed analizzata da tempo. Servirebbe piuttosto rimuovere chi ne è stato colto di sorpresa.

  2. Onestamente, penso che la destra con gli uomini che ha “assemblato” farà la figuraccia che si è andata a cercare così pervicacemente negli ultimi mesi. Roma è stata per anni relativamente ben governata, nonostante alcuni tg siano andati a pescare i buchi nelle strade durante la campagna elettorale. La procedura per deficit eccessivo è stata aperta dalla UE a fine Governo Berlusconi e se la sono dovuta riparare Prodi e Padoa Schioppa: la gente ha pagato troppo? Ok: ma la gente non ha capito (né credo sappia) perché! Si è votato con la pancia, con l’ignoranza e con la pigrizia mentale: meglio le mani destre alzate, meglio i condoni a tutto spiano, le leggi ad personam, meglio gente che spara idiozie incredibili come quelle dei fucili (vengono recepite meglio e poco è lasciato all’interpretazione). Poi, se Mucignat ha una diversa interpretazione del mondo sarei felice di leggerla.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>