E ci faccia vedere il suo ministero!!!

Senza portafoglio. Che le frega, tanto quando mai paga lei!
Piuttosto, la Carfagna alle Pari Opportunità la prenderemo come una velata dichiarazione di bisessualità del Cavaliere.

8 commenti su “E ci faccia vedere il suo ministero!!!

  1. Me la ricordo da ragazza, frequentavamo lo stesso liceo, il Liceo Giovanni da Procida a Salerno. Se la memoria non mi inganna fu eletta “Miss Da Procida”, che credo sia stata l’ultima carica istituzionale che ha occupato prima di diventare parlamentare. Non me la ricordo bellissima, onestamente: me la ricordo magrolina, con occhiali spessi, fisico da ballerina classica, decisamente timida, non oca, comunque. Le pere opportunità me le ricorderei, ma non le ricordo, sarà che ero tre anni avanti e forse per lei non era ancora arrivato il tempo delle pere. :-)

  2. Attenzione però!
    Quella che doveva far vedere il “su’ ministero” era la moglie del ministro. Quindi se tanto mi dà tanto, da maschietto, m’interssa poco di vedere il “ministero” del suo attuale cavaliere (l’ho scritto con la minuscola eh!).
    Piuttosto preferirei che desse un’opportnità anche a me: istituzionalmetne è quella preposta a farlo.

  3. @pez:
    pare che esistano già oltre cinquemila tipi di pere. Benvenuta quindi anche la Pera Opportunità.

    @mari:
    Assolutamente OT: dove ti piazzi a leggere i tuoi libri ora che non hai più il giardino di via Baccelli? :-)
    (questo si chiama uso privato di servizio privato)

    @briga:
    wow, un insider. Ti sei pentito di non esserlo abbastanza? 😉

    @paolo:
    Nota ineccepibile logicamente. Ma manca di fantasia: chi c’impedisce di ipotizzare che il ministro sia omosessuale? In quel caso anche il ministero del partner assume un suo precipuo interesse.
    (speriamo che l’idea del ministero del partner rimanga tra queste righe, che se c’è quello della famiglia…)

  4. @andrea
    A dire il vero, continua a non essere di mio gusto: il liceo era frequentato da ragazze anche più carine che oggi fanno le mamme, le donne in carriera, le precarie (o un misto della prima con la seconda o della prima con la terza). Forse era un po’ prestino per fare il ministro: le sue coetanee che hanno la stessa laurea nella stessa città fanno a botte per vedere se c’è qualche avvocato, notaio o altro che le prenda a fare un po’ di pratica in studio.

  5. @andrea
    di nascosto al buio (…) in uno dei piani deserti, diciamo abbandonati, di un palazzo nero, che sa di amianto, che si affaccia sull’ultima parte della salita che dalla colombo porta a quello che fu viale baccelli..

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>