Il giorno in cui nacque l’universo

L’importante, in questi casi, è non lasciarsi andare a facili entusiasmi.

Certo che una vittoria insperabile di Obama in Iowa rende ora possibile un cammino trionfale alla Casa Bianca.
Forse dalla dichiarazione d’Indipendenza mai come stanotte l’America si è avvicinata politicamente all’Europa.
Rendendo quindi legittima la prossima aspirazione ad un organismo politico unificato del pianeta.
Condizione necessaria all’inizio della colonizzazione dello spazio.

6 commenti su “Il giorno in cui nacque l’universo

  1. avvicinata all’Europa? a me il discorso di vittoria di Barack Obama e più in generale le sue posizioni e anche il suo modo di fare e il suo stile oratorio sembrano molto americane, nel senso migliore del termine. Non riesco neanche a pensare a politici che possano parlare così in Italia, Spagna, Francia o UK.

  2. Massimo, deve convincere gli americani, non gli europei.
    Le posizioni su fisco, welfare, ambiente e multilateralismo (più di quanto non dica in campagna elettorale) sono molto discontinue con gli USA che conosciamo, e più vicine al nostro modo di concepire gli ambiti d’intervento dello stato.

    Però hai ragione, mi porto appresso il fossile d’una superiorità etico-culturale della civiltà del vecchio continente che ormai forse non ha più ragion d’essere. Però finché votavano il bushismo, come facevo a darmi torto? Speriamo che Barack ci consenta di vedere gli americani “nel senso migliore del termine”, come dici tu.

    (comunque il post è un esorcismo narrativo delle eccessive speranze riposte nell’evento di ieri, comprese le mie inconfessate)

  3. Pingback: RAMELLA.ORG

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>